La Brexit è un’opportunità per ripensare e ritrovare l’Unione Europea che avremmo voluto
PX*7202368

Ai molti amici europeisti convinti che questa mattina si dicono devastati dalla Brexit vorrei dire, che invece di denigrare e dare dei buzzurri al 60/70 % degli europei, che in questo momento appartengono alla UE e che stanno ipotizzando di poterne uscire, questi amici europeisti convinti oggi dovrebbero riflettere. Sarebbe utile pensare alle politiche (essenzialmente monetarie e commerciali) che in questi anni ha espresso la UE, incapace di far uscire i paesi aderenti da una crisi e una stagnazione perenni, mi pare che in USA invece stia andando in modo differente. Occorre pensare all’incapacità di esprimere una politica comune in tema di migranti, occorre pensare al fatto che negli ultimi vent’anni abbiamo assistito inerti alla distruzione della classe media, occorrerebbe pensare a questo. Se si vuole andare avanti facendo finta di non vedere tutte queste cose, allora c’è davvero da essere tristi, perché non basta parlare di Erasmus, voli Low Cost e Ryan Air per rinverdire e rinfrescare i principi e i valori su cui, grazie anche al pensiero di politici italiani di altissima levatura come Alfiero Spinelli, é nata e si è fondata l’Unione Europea
 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: